Grigio di Carmagnola

 

Grigio di Carmagnola

 

Il coniglio Grigio di Carmagnola ha avuto origine da una popolazione locale di conigli comuni a mantello grigio, molto diffusa nelle aziende piemontesi alla fine degli anni cinquanta.
si tratta di conigli di razza media con corpo allungato, spalle e lombi carnosi, dorso forte e ben curvato, arti mediamente lunghi con cuscinetto plantare rivestito da pelo folto.
La testa è leggermente allungata, orecchie forti portate a V di lunghezza massima di 14 cm., occhio bruno. La pelliccia è folta e soffice con pelo di media lunghezza di colore grigio, più chiaro nella regione ventrale, sulla faccia mediale e plantare degli arti posteriori e nella parte inferiore della coda.  E' presente una macchia triangolare più chiara sulla nuca; il sottopelo è grigio o grigio chiaro senza mai diventare bianco mentre appare scura la faccia dorsale della coda. Le unghia sono pigmentate. Il peso vivo dei maschi adulti varia da 3,5 a 5,5 kg, quello delle femmine adulte da 3 a 4,5 kg.
Da un punto di vista produttivi il coniglio di Carmagnola presenta un incremento giornaliero di 27-30 g/dì e raggiunge mediamente 1,6 kg a 60 giorni di età e 2,6 kg a 90 giorni.
I caratteri riproduttivi possono essere considerati medi: fertilità 80%, nati vivi per parto mediamente di 7,5 e gli svezzati per parto di 5-6.

Approfondimento sulla razza

Documentazione storica

Metodo di allevamento