Maurizio Arduin

 

Arduin Maurizio

curriculum vitae

 

Laureato a Bologna nel 1982 in Scienze delle Produzioni Animali con tesi sperimentale presso l'Istituto di Zooeconomia, Cattedra di Economia e Politica Agraria.
Dal 1985 al 1998 è stato direttore del Consorzio per lo Sviluppo Avicunicolo e della Selvaggina del Veneto. In questo periodo ha attivato una convenzione con l'allora Ministero dell'Agricoltura gestendo direttamente l'ex Stazione Sperimentale di Pollicoltura di Rovigo dando vita al Conservatorio Nazionale delle Razze Avicole in pericolo di estinzione.

Impegnato nel recupero della biodiversità zootecnica, ha lavorato fino al 1988 come responsabile del Conservatorio Nazionale delle Razze Avicole in pericolo di estinzione, e come ricercatore indipendente poi, acquisendo i seguenti risultati:

1986 recupero polli di razza Pepoi;
1986 recupero anatra di razza Mignon;
1987 recupero dei polli di razza Siciliana;
1988 recupero dei polli di razza Ancona e loro diffusione alle MAV di Padova;
1988 delle faraone di razza Camosciata;
1989 ha ottenuto il riconoscimento, da parte dell'Entente Européenne d'Avicolture,  all'esposizione europea di Wels in Austria, di tre razze italiane di pollo: Robusta Maculata, Robusta Lionata ed Ermellinata di Rovigo;
1990 recupero dei polli di razza Valdarnese bianca;
2002 recupero dei polli di razza Italiana 5 dita;
2002 ricostituzione della razza ligure di pollo Gigante nero d'Italia ottenendone il riconoscimento dalla Regione Liguria come Prodotto Agro-alimentare Tradizionale;
2002 ricostituzione della razza di pollo Grossa di Bologna:
2003 recupero della razza di tacchino di Corticella o tacchino Azzurro;
2004 recuperato l'anatra di razza Polesana bianca;
2004 recupero della razza di pollo Italiana locale comune Cuca conosciuta anche come Padovana Comune;
2005 ricostituzione del pollo Brianzolo.

Attualmente l'attività di ricerca e volta al recupero della documentazione storica necessaria per la definizione dello standard delle seguenti razze Italiane:
pollo di razza Italiana comune locale;
pollo di razza Mugellese;
pollo Romagnolo;
oca Friulana.
Per queste razze sono già stati individuati dei nuclei di base che sono in selezione presso allevatori privati e la documentazione storica ha lo scopo di individuare con precisione le caratteristiche di queste razze per indirizzarne la selezione.

Per quanto riguarda lo sviluppo di tecniche d'allevamento alternative, nel 1988 ha presentato la prima proposta di normativa per l'allevamento degli avicoli con metodo biologico e nel 2000 ha fatto parte del gruppo di lavoro ministeriale per l'elaborazione delle norme italiane per la zootecnia biologica.
Nel 1992 ha promosso la diffusione dell'allevamento del maiale con metodo estensivo e biologico e nel 1999 ha elaborato il disciplinare per l'allevamento, con metodo biologico, del coniglio e del colombo.
Autore di schede tecniche, articoli e libri, in Italia e all'estero, ha curato e realizzato anche videocassette sull'allevamento degli animali.
Abilitato alla libera professione nel 1997 si occupa di recupero e valorizzazione di razze avicole e cunicole, zootecnia biologica, allevamenti alternativi e attività faunistiche